Il potere del Silenzio

Nel corso del nostro recente Seminario di Mindfulness Immaginale in Liguria, a due passi dalle Cinque Terre, tra i partecipanti è emersa  la necessità – durante le varie pratiche – di restare in silenzio per un tempo prolungato, raggiungendo circa 50 minuti di meditazione consapevole, in ascolto profondo del proprio respiro.

I meditanti avevano già seguito altri nostri incontri e il Seminario qui ricordato si inserisce in un Per-Corso che termina tra poche settimane; sono quindi persone che hanno acquisito pienamente le basi della mindfulness, tanto da riuscire a rimanere immobili nella postura dell’asana samadhi per molto tempo, nutrendo la presenza mentale.

Il “bisogno” di rimanere in silenzio più a lungo è stato dettato da una forma di compensazione, ovvero i rumori cui molti sono sottoposti quasi quotidianamente hanno rappresentato l’input che ha portato alcune persone ad avvicinarsi alla mindfulness immaginale per ritrovare il proprio Sé, anche per il tramite del Silenzio.

Ovviamente, non potevamo essere immersi in un silenzio totale, anche perché il silenzio così come noi lo concepiamo non esiste (come ben dimostrato da Cage): in sottofondo, anche in luoghi desertici, si odono sempre suoni, echi lontani, vibrazioni sonore.

Anche noi, durante la pratica meditativa in riva al mare sentivamo il fragore delle onde e le carezze del vento, eppure tanti di noi si sentivano in un ambiente “silenzioso”.

Siamo così bombardati da rumori e da un forte inquinamento acustico che basta rimanere immersi nella natura per stare meglio, per avvertire immediatamente benefici.

Ecco che abbiamo suggerito al Gruppo alcuni consigli per accogliere e nutrire il Silenzio.

Tra questi consigli ne segnaliamo due anche in questo spazio web:

  • Per almeno mezz’ora, ogni giorno, spegnete tutto ciò che vi porta distrazione (telefono, computer, ecc.) e rimanete concentrati semplicemente sul momento presente, sulle vostre sensazioni/emozioni, sui vostri pensieri
  • Quando vi trovate al mare, in montagna, vicino a un fiume… rimanete in ascolto dei suoni della natura e cercate di distinguerli l’uno dall’altro (lo sciabordio delle onde del mare, il cinguettio degli uccellini…)

Questi sono solo due esempi di ciò che è possibile “nutrire” restando in Silenzio, o meglio, restando in ascolto del momento presente.

Buona Pratica!

Silvia e AL

 

 

Annunci

Mindfulness Immaginale ed ecologia profonda

“In una visione immaginale, ecologia profonda significa
poter vedere la natura con gli occhi della natura
e non con quelli
della mente”.
*Selene Calloni Williams – (citazione estratta dal libro “Mindfulness Immaginale, Ed. Mediterranee, 2016)



Mai come in questo periodo storico sorge l’urgenza di osservare il nostro pianeta coi suoi stessi occhi… e chi conosce e chi pratica la Mindfulness Immaginale sa parlare anche a
Madre Terra…

Equanimità

Uno dei preziosi requisiti e al contempo ottenimenti della pratica meditativa è l’equanimità.
Un bravo maestro non dà giudizi; non dice “questo è buono, questo no; questo è bravo, questo no”.

Se lo fa, dovrebbe compiere un passo indietro e riprendere con molta umiltà gli insegnamenti dei saggi.